Ergonomiche

Herman Miller
La dedizione della Herman Miller nei confronti della ricerca e del design originale ebbe origine negli anni 30 quando il designer Gilbert Rohde...

Mal di schiena in ufficio? 

un lavoratore europeo su quattro è costretto a fare i conti con il mal di schiena(fonte dell'European Foundation for the Improvement of Living and Working Conditions).Il mal di schiena nella stragrande maggioranza dei casi riguarda la zona cervicale e lombare (la più esposta a sollecitazioni) ed in maniera inferiore la zona dorsale.In generale Cause e origini del maldischiena sono argomenti che possono interessare diverse discipline mediche a titolo esemplificativo e non esaustivo ortopedia,neurologia,fisioterapia,chirurgia,psichiatria ambiti cui e’ bene rivolgersi per curare il mal di schiena.

Prevenire il mal di schiena in ufficio

Molto spesso chi vive seduto per lavoro viene colpito dal mal di schiena,il dolore puo’ nascere sia da una postura scorretta che da una seduta non appropriata,che puo’ generare essa stessa atteggiamenti posturali dannosi.Il  quotidiano protrarsi di tali atteggiamenti posturali unitamente alla staticità tipica della posizione di lavoro seduta   comporta una perdita progressiva dell’elasticità dei legamenti e dei dischi intervertebrali e una perdita di potenza e di tono dei muscoli. Con il passare del tempo, i legamenti e i dischi non riescono più ad ammortizzare opportunamente le sollecitazioni della vita quotidiana. Si riducono gli spazi intervertebrali, aumenta la pressione sul disco e cominciano a manifestarsi dolori e fastidi che sono la premessa di infiammazioni che portano alle lombalgie acute e sub-acute e alle lombo-sciatalgie.

STARE SEDUTI nella postazione di lavoro

Testa :Non protendere collo e testa in avanti,posizionare la seduta rispetto al piano di lavoro in modo tale da consentire l’ allineamento tra testa e collo.

Spalle Braccia :Spalle rilassate con appoggio dei gomiti ai braccioli o alla scrivania.L’ utilizzo di braccioli consente un adeguato sostegno alla parte superiore della schiena e le spalle, in modo da far diminuire la fatica. In caso di lavoro al videoterminale L'avambraccio e il polso devono rimanere in linea durante il lavoro alla tastiera è  pertanto necessario che gli avambracci si trovino leggermente più in alto rispetto alla tastiera. siediti alla scrivania in modo che i tuoi avambracci siano paralleli alla superficie di lavoro: se i gomiti non sono ad angolo retto, regola l'altezza sedia.

Schiena:la schiena deve poggiare sullo schienale tale che il rachide sia ben allineato e le curve della colonna vertebrale devono conservare le fisiologiche ampiezze.La schiena deve essere sostenuta dallo schienale In particolare il sacro deve essere appoggiato allo schienale e la lordosi lombare ben mantenuta.

Gambe: In posizione seduta l’inclinazione tra coscia e gamba deve approssimativamente formare un angolo di 90°( Se la seduta è troppo alta le anche risulteranno più alte delle ginocchia spingendo in avanti il tratto lombare) verifica se puoi facilmente far scivolare le dita sotto la coscia seguendo il bordo della sedia: se è troppo stretto, è necessario per sostenere i piedi con un poggiapiedi regolabile.Piedi: ben appoggiati al suolo.

La maggior parte delle sedute non consentono di sedersi correttamente,le sedute ergonomiche professionali si.

Principali caratteristiche distintive per sedute ergonomiche professionali da ufficio-

 Altezza Regolabile – Regolazione altezza tramite elevazione a gas. Il range dell’altezza della seduta e’ solitamente tra 42 e 56 cm.,tale da soddisfare le caratteristiche antropomorfiche  del 90 percentile della popolazione.Nell’ intervallo descritto la maggior parte degli utilizzatori riescono a posizionare i piedi bene a terra con le cosce e le braccia orizzontali, parallele al piano di lavoro. Larghezza della seduta e profondità –Il range di misura relativamente alla larghezza del sedile adatto a sostenere sufficientemente la maggior parte degli utilizzatori e’ tra 42 e 52 cm. circa.La profondità del sedile dovrebbe essere tale che l’ utilizzatore aderendo con la schiena allo schienale si ritrovi con uno spazio libero tra la parte posteriore delle proprie ginocchia ed il sedile di circa 5 10 cm. In avanti o indietro l'inclinazione del sedile dovrebbe essere regolabile.Supporto lombare – Regolabile sia in altezza che in profondita tale da garantire il massimo supporto alla curva dorsale nella regione lombare. Schienale –Dovrebbe essere anatomicamente adeguato a sostenere la curva naturale del rachide,qualora sia monoblocco con il sedile deve essere dotato di sistema di blocco dell’ oscillazione in piu’ posizioni e di antiritorno dello schienale(antishock).Nei modelli con schienale separato dal sedile assume importanza rilevante la possibilita’ di regolazione sia di altezza che di inclinazione dello schienale.Braccioli –L’ausilio dei braccioli per consentire la giusta postura degli arti superiori in posizione di lavoro e’ espresso dai braccioli 3D con regolazione in altezza,profondita’ ed inclinazione degli stessi.Meccanica:Movimento sincronizzato di sedile e schienale aiutano a mantenere il giusto rapporto di inclinazione tra il tronco e la base sacrale in posizione seduta. Se sai o se desideri stare seduto correttamente ma non disponi  di una seduta ergonomica Ufficiostile ti propone le migliori sedute ergonomiche professionali